W LA MOTO Forum W LA MOTO Forum

Vai indietro   W LA MOTO Forum > AREA FORUM > ENTRA NELL' AREA FORUM > GLI APPUNTAMENTI DEGLI ISCRITTI A W LA MOTO > Reports

Reports
I vostri racconti e le vostre avventure. Ancora meglio se illustrati da foto e video

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 30-01-2009, 13: 00
L'avatar di Charlyno
junior
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: Palermo
Messaggi: 278
predefinito 17-18 Gennaio 2009 - Tra storia e leggende – Provincie di Messina e Catania



FOTO I VIAGGI DI FRANCESCO

Moto utilizzata Bmw GS 1200
Tappe: Palermo-Montalbano Elicona-Braida-Castiglione di Sicilia-Roccella Valdemone-Francavilla di Sicilia-Castelmola-Isola Bella (Taormina)-Messina-Ganzirri-Capo Peloro-Acquarone-Rodia-Cefalù-Palermo[/font]
Nazioni visitate: Italia
Regioni visitate: Sicilia
Km percorsi: 620
Durata: 2 giorni

Ore 08.00 un cielo limpidissimo ed un sole meraviglioso premettono un weekend strepitoso ! Dopo un’abbondante colazione alle 09.00 sono già in autostrada in direzione Messina. La prima meta sarà lo splendido borgo di Montalbano Elicona che rientra nell’elenco tra i più belli d’Italia. I 190 km scorrono velocemente lungo l’autostrada e dopo una breve pausa caffè giungo a Patti per imboccare la SP 119. Si comincia a salire ed il paesaggio cambia radicalmente. Lascio il mare per dare spazio alle montagne, ai campi fioriti, al verde dei prati. Il paesaggio è idilliaco reso ancora più bello dal sole che ha fatto salire la temperatura a +14. Più volte lungo il percorso sono costretto a fermarmi per ammirare con calma il paesaggio e godermi in tutta tranquillità il silenzio del posto. Giungo in un piccolissimo paesino Braidi incastonato tra le montagne. Dall’alto sembra un piccolo presepe. Dopo breve arrivo a destinazione, proprio all’ingresso del Castello Svevo Aragonese. Con mia grande sorpresa il castello è chiuso. Un cartello dice che “il castello è aperto la domenica e che per le visite dal lunedì a sabato è necessario prenotare chiamando un numero telefonico” !! Rammaricato chiamo il numero indicato ed al telefono risponde la Dott.ssa Liliana Pantano, responsabile al turismo del comune di Elicona. Dopo averle fatto presente che non è così che si porta avanti il turismo in Sicilia, mi spiega che è da tempo che porta avanti un progetto e si batte affinchè si possa usufruire dei monumenti del paese senza alcuna limitazione. Gentilmente mi invita a visitare il paese e mi informa che verrò richiamato a breve circa la possibilità di visitare il castello. Il borgo è stupendo, camminare tra le sue antiche vie sembra di fare un salto nel Medioevo. Vicoli, bagli, case di pietra, facciate scolpite creano un’atmosfera particolare. Splendida la Chiesa di S. Nicola edificata nel Medioevo e rivisitata nel 1654. All’interno numerose opere tra cui una scultura attribuita al Gagini datata 1587. A pochi passi la Chiesa di S. Caterina con un bellissimo portale in stile romantico per non parlare poi degli splendidi portali barocchi di Casa Messina Ballarino e Casa Mastropaolo. Dopo circa 20 minuti con grande piacere vengo informato dalla Dott.ssa Pantano che il custode mi aspetta per la visita del castello. A tal proposito vorrei ringraziare calorosamente la Dott.ssa per la gentilezza e disponibilità nonché per l’impegno nel portare avanti il suo progetto. Ad attendermi al castello la simpatica sig.ra Rosalba. Pagato il biglietto mi godo questo momento magico, visitare un castello tutto per me !! Il castello costruito su preesistenti strutture arabe e bizantine si compone di un ampio cortile, con la sua parte svevo aragonese e su una piccola rocca la struttura normanna-sveva. Interessante il museo delle armi e degli strumenti musicali. Terminata la visita è ora di pranzo ed ho proprio voglia di farmi una bella mangiata. Ad appena 100 mt. dall’ingresso del Castello proprio di fronte al Duomo l’antica Osteria “Al Sakali” via Torre 11 – tel. 3385257768-3287451102. Ad accogliermi il simpatico Sig. Pino che mi spiega come nel suo locale, anziché il classico cuoco, hanno una signora che cucina per loro all’insegna della cucina genuina, classica e tradizionale. Ed infatti non potevo scegliere di meglio ! Deliziosi gli antipasti, sublime il primo ed il secondo !! Dopo il caffè fatto rigorosamente con la moka e l’immancabile dolcino, saluto il sig. Pino e riparto per visitare la contrada Argimusco, vicino il bosco di Malabotta, famosa per il suo sito megalitico. Enormi rocce di granito, che tutt’oggi rappresentano un mistero irrisolto. Il grande teschio, la grande acquila stanno lì testimoni di epoche remote, dove la storia si mescola a leggenda. Sulla via anche i Tholos, delle tombe in pietra, molto simili ai Nuraghi di Sardegna. Il paesaggio è idilliaco ed al tempo stesso pieno di mistero (maggiori info MONTALBANO.INFO). Riparto in direzione di Castiglione di Sicilia, in provincia di Catania attraverso la SP 110. La strada attraversa in parte il bosco di Malabotta. Dopo pochi chilometri eccolo davanti a me sua maestà l’Etna. Lo spettacolo è straordinario. Il cielo limpido risalta ancora di più la sua cima innevata. Imbocco la SP 2 attraversando piccoli paesini come Roccella Valdemone e Moio Alcantara, dove comincia ad intravedersi il fiume omonimo. Le condizioni dell’asfalto, dopo le recenti pioggie, sono pessime e bisogna stare molto attenti soprattutto per il fango lungo i bordi delle strada. Giungo alle porte di Castiglione di Sicilia. A dominare il paese il Castello di Lauria risalente al periodo normanno-svevo. Purtroppo il castello è chiuso e non ho la stessa fortuna avuta a Montalbano, così devo accontentarmi di una visita sotto le mura, dalla cui rocca si gode una veduta straordinaria. Bellissime la Basilica della Madonna Catena e la Chiesa di S.Antonio. Su una parete a strapiombo uno dei simboli di Castiglione, “U Cannizzu” un’antica torre di avvistamento. A circa 3 km dal paese, nel bel mezzo della campagna, dopo una breve strada acciottolata si giunge innanzi la Chiesa di S.Domenica, conosciuta come Cuba Bizantina, un’opera straordinaria del sec. VII D.C. Terminata la visita, riparto verso Francavilla di Sicilia dove trovo alloggio presso l’Agriturismo Ghiritina Agriturismo Ghiritina a soli 3 km dalle Gole dell’Alcantara. Il posto è veramente confortevole, con possibilità di parcheggiare la moto proprio di fronte la camera e con un’ottima pizzeria-ristorante a prezzi convenienti. Dopo una bella doccia calda ed una pennichella, mi reco in pizzeria dove concluderò la mia serata. [/font]

[FONT='Tahoma','sans-serif']18/01/2009 km.375 Ore 07.00 esco in terrazza. Ancora una splendida giornata. Cielo limpido e sole che illumina la cima dell’Etna. Non vedo l’ora di mettermi in moto. Mi fermo in paese per fare colazione e dopo l’immancabile caffè parto in direzione delle Gole dell’Ancantara. Purtroppo con le violenti piogge dei giorni scorsi il parco è stato chiuso per sicurezza in attesa che rientri la piena, così devo accontentarmi di dare un’occhiata dall’alto. Sarà questo motivo per tornarci. Sono appena le 08.30 quando ricevo la chiamata dell’amico Rosario da Catania, anche lui motociclista. Nonostante abbia terminato appena di lavorare, vuole comunque raggiungermi per fare un breve giretto insieme. Così decidiamo di incontrarci nel borgo di Castelmola, proprio sopra Taormina. Ci incrociamo con le moto sulla strada e dopo un caloroso saluto ci rechiamo nel belvedere della Chiesa della Madonna della Rocca, proprio ai piedi del Castello di Taormina. Il panorama è mozzafiato di quelli che ti lasciano senza parole. Proviamo a visitare il castello ma anche questo è chiuso ! Ripartiamo verso la piazza di Castelmola, dove poco prima parcheggiamo le moto. Ci dirigiamo al famoso Bar Turrisi per un caffè ed un dolcino. Il bar è famoso non tanto per le delizie culinarie ma soprattutto per l’arredamento ! Diciamo che il comune denominatore dell’intero bar che si sviluppa su quattro piani è il pene !! Statue, sculture, sedie, tavoli, citazioni, persino il menù è a forma di pene. Davvero stravagante e molto particolare oltre che a trovarsi in una posizione straordinaria per le splendide vedute che si possono ammirare dalle sue terrazze. Non perdetelo se passate da queste parti. Una buonissima fetta di torta al cioccolato ed una al pistacchio, renderanno particolarmente piacevole e dolce il nostro se pur breve soggiorno. Ci rechiamo sul belvedere del Duomo per poi salire ai ruderi del castello, dove si gode una veduta straordinaria sull’Etna, sulla costa Calabra e sulle montagne circostanti (info http://www.castelmolese.it/index.asp ). Prima di lasciarci decidiamo di fare una puntatina sull’Isola Bella di Taormina, per goderci lo spettacolo delle acque cristalline e del blu del mare. Dopo aver salutato l’amico Rosario, parto in direzione di Messina attraverso l’autostrada per giungere in tempo a mezzogiorno innanzi il campanile del Duomo di Messina, che rappresenta una delle maggiori attrazione della città con il singolare meccanismo dell’orologio, che mette in moto statue ed ingranaggi meccanici che rievocano episodi astronomici, religiosi e cittadini. Uno spettacolo davvero unico. Giungo appena dieci minuti prima dello spettacolo. Innanzi il Duomo la straordinaria Fontana di Orione, un’incredibile opera del 1553. Resto a bocca aperta nell’ammirare la perfezione delle sculture. A mezzogiorno in punto comincia lo spettacolo ! Il leone che ruggisce, la colomba che vola e numerose figure scorrono in un meccanismo magico. Al termine visito l’interno del Duomo per poi farmi i circa 300 gradini del campanile e giungere in cima per ammirare dall’alto tutta la città. Spicca il Forte S.Salvatore alla cui estremità è stata posta la Madonnina del Porto. Dopo un buon piatto di pasta al forno ed una breve sosta alla Fontana di Nettuno, mi dirigo verso Capo Peloro, la punta Nord-Est della Sicilia. Sulla strada, a Ganzirri la Torre faro o Torre degli Inglesi un bastione difensivo del XVI sec. Scendo sulla spiaggia dove il mare è limpidissimo. Di fronte Cariddi sulla costa Calabra ed immediatamente mi torna alla mente la leggenda di “Scilla e Cariddi” SCILLA E CARIDDI- Mitologia e Leggende - myth of Scylla and whirlpool Charybdis . Immerso nella fantasia riparto verso la vecchia SS 113dir. Il termometro segna + 18 ! Attraverso piccoli paesini come Acquarone, Rodia e lungo il percorso mi godo in tutta tranquillità ogni curva, ogni panorama, lasciandomi trasportare dai miei pensieri più belli. Riprendo l’autostrada a Villafranca Tirrena e dopo una lunga tirata di circa 150 km decido di rilassare la mia schiena sulla spiaggia di Cefalù. C’è ancora sole e con enorme soddisfazione mi distendo sulla spiaggia per una buon’ora. Aspetto che il sole tramonti, regalandomi l’ultimo momento magico di questo splendido ed entusiasmante weekend on the road. Alla prossima.
Per chi volesse partecipare alle nostre gite fuori porta fracharly2001@yahoo.it o chiami il numero 3286183426. Non si accettano “SMANETTONI”
Lamps siculi

Ultima modifica di tonigno : 30-01-2009 a 13: 34
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 30-01-2009, 13: 33
L'avatar di tonigno
'O Zumo 'e Furcèll'
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Napoli
Messaggi: 8,293
predefinito





Decisamente hai lo spirito giusto oper questo forum!!

PS: ... ed anche la moto migliore ... ma io son di parte!

__________________
V Strom 650 ..... KALIMERA! .... la "pulcina" grigio/nera!
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 30-01-2009, 14: 37
L'avatar di el_conguero
webmunnezz
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Aversa
Messaggi: 7,121
predefinito

bello il suppellettile che hai tra le mani al bar Turrisi
__________________
R1200 GS Adventure Vaccarella - Rafaniello Superstar Marathon Road - e-betella 400 rr
This is my bike. There are many like, but this one is mine. My bike is my best friend. It is my life. I must master it as i must master my life.Without me, my bike is useless. Without my bike, I am useless. I must ride my bike true. I must be faster then my enemy who is trying to get me. I must roost him, before he gets me. I will.

Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 30-01-2009, 16: 23
L'avatar di Charlyno
junior
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: Palermo
Messaggi: 278
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da el_conguero Visualizza il messaggio
bello il suppellettile che hai tra le mani al bar Turrisi
...minchi...ero circondato !!

Non perdetevelo questo bar se venite da queste parti

Lamps
__________________
Francesco su "Mandarino" GS 1200R

www.francescoinviaggio.it
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 30-01-2009, 16: 40
L'avatar di el_conguero
webmunnezz
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Aversa
Messaggi: 7,121
predefinito

io ci sono stato
tutto fortemente suggestivo
dalle tovagliette di carta ai menu
__________________
R1200 GS Adventure Vaccarella - Rafaniello Superstar Marathon Road - e-betella 400 rr
This is my bike. There are many like, but this one is mine. My bike is my best friend. It is my life. I must master it as i must master my life.Without me, my bike is useless. Without my bike, I am useless. I must ride my bike true. I must be faster then my enemy who is trying to get me. I must roost him, before he gets me. I will.

Rispondi quotando
Rispondi

Tag
1718, 2009, catania, gennaio, leggende, messina, provincie, storia, tra

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo
Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14: 05.


Powered by vBulletin versione 3.7.4
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.

WLAMOTO.COM Associazione Sportiva Dilettantistica