W LA MOTO Forum W LA MOTO Forum

Vai indietro   W LA MOTO Forum > AREA FORUM > ENTRA NELL' AREA FORUM > W LA MOTO > MotoCaffè

MotoCaffè
Il piccolo bar dove quotidianamente ci fermiamo con le nostre amate moto per un caffè o quattro chiacchiere tra amici

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 15: 23
L'avatar di Pierobull
W LA MOTO
 
Registrato dal: Jul 2009
ubicazione: PIEMONTE
Messaggi: 4,349
Thumbs down Ducati si trasferisce in Thailandia

La notizia che Ducati inizia a mettere “radici” in terra d’oriente con la costruzione di un nuovo stabilimento in Thailandia scuote dal di dentro i meccanismi del sistema “Borgo Panigale” con una prima levata di scudi dal mondo sindacale per via dei lavoratori preoccupati da una possibile delocalizzazione dell’attività produttiva (sebbene “il grosso” dovrebbe rimanere il Italia).



Paure non poi così ingiustificate che – ad onor del vero – non dovrebbero però trasformarsi in ipotesi di cassa integrazione e possibili licenziamenti, almeno nel breve periodo.

Ma una notizia così non poteva non deflagrare tra i ducatisti duri e puri da sempre gelosi della propria identità e del DNA totalmente made in Italy .


Il “rischio d’immagine”, in queste occasioni, è sempre dietro l’angolo.
__________________
...1991-1992-1993-1994-2005-2010-..
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 15: 58
L'avatar di peppino_internèt
senior
 
Registrato dal: Jun 2009
ubicazione: roma
Messaggi: 991
predefinito ....

di questo passo in Italia ci rimarranno solo i call center, faremo la fine dell'India di 20 anni fa.

E' un andazzo che però sta accomunando molte marche di moto, vedi Honda, Yamaha, Triumph ecc. ecc.

Ma se cominciassimo a non comprare più moto e auto con marchio europeo NON costruite in Europa, io credo sia un 'ottima idea
Anche perchè è dimostrato che il prezzo di vendita NON CALA !!!

che tristezza !!
__________________
STREET TRIPLE

"Lucille blues"


San Gennà, non ti crucciar ,tu lo sai , ti voglio bbene,
ma 'na fint e Maradona squaglie 'o sang rint e ven !!
e chest è ...
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 16: 07
L'avatar di Pierobull
W LA MOTO
 
Registrato dal: Jul 2009
ubicazione: PIEMONTE
Messaggi: 4,349
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da peppino_internèt Visualizza il messaggio
di questo passo in Italia ci rimarranno solo i call center, faremo la fine dell'India di 20 anni fa.

E' un andazzo che però sta accomunando molte marche di moto, vedi Honda, Yamaha, Triumph ecc. ecc.

Ma se cominciassimo a non comprare più moto e auto con marchio europeo NON costruite in Europa, io credo sia un 'ottima idea
Anche perchè è dimostrato che il prezzo di vendita NON CALA !!!

che tristezza !!
CHE TRISTEZZA....la frase esatta !!!
__________________
...1991-1992-1993-1994-2005-2010-..
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 16: 13
L'avatar di Gigoz
insalata mista docg
 
Registrato dal: Jun 2009
ubicazione: Sardinia Island
Messaggi: 2,412
predefinito

quotissimo............
__________________
GIGOZ R1200GS
Porceddu Racing Team
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 18: 20
L'avatar di tonigno
'O Zumo 'e Furcèll'
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Napoli
Messaggi: 8,293
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da peppino_internèt Visualizza il messaggio
....Anche perchè è dimostrato che il prezzo di vendita NON CALA !!!!!
.... Mentre troppo spesso cala la qulità costruttiva!!

__________________
V Strom 650 ..... KALIMERA! .... la "pulcina" grigio/nera!
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 22: 06
L'avatar di peppino_internèt
senior
 
Registrato dal: Jun 2009
ubicazione: roma
Messaggi: 991
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da tonigno Visualizza il messaggio
.... Mentre troppo spesso cala la qulità costruttiva!!

infatti è quello che mi chiedo ormai da tempo.
Premesso che questi paesi emergenti NON hanno la stessa cultura industriale nostra, almeno non ancora, e che le condizioni lavorative sono a dir poco proibitive, sindacati praticamente inesistenti, e quello che non capisco è perchè un azienda che punta quasi tutto sul made in Italy, che vende tanto (la ducati non mi sembra assolutamente in crisi, così come la Triumph) rischi un danno d'immagine e un calo qualitativo pur di guadagnare quei 4 soldi in più.

Quel che è peggio è che sti paesi non sono proprio "democraticamente stabili" come quelli europei e il rischio del golpe, della rivolta o della guerra civile è sempre dietro l'angolo.

Allora perchè andare altrove a produrre ?.

Io credo che ste manovre servano solo a cambiare le condizioni di lavoro europee e togliere qualche diritto sudato dopo 100 anni di lotte dagli operai e lavoratori europei.

Come a dire, pur di mantenere il lavoro qui visto che è così facile portarlo altrove, rinuncio a qualche diritto e aumento di parecchio i doveri.

FIAT DOCET !

ripeto:

CHE TRISTEZZA !!
__________________
STREET TRIPLE

"Lucille blues"


San Gennà, non ti crucciar ,tu lo sai , ti voglio bbene,
ma 'na fint e Maradona squaglie 'o sang rint e ven !!
e chest è ...
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 10-01-2011, 22: 59
junior
 
Registrato dal: Aug 2010
Messaggi: 189
predefinito

il problema è che anche quelli che costruiscono nei paesi dell'est europeo hanno comunque un ritorno economico (quindi dobbiamo stare attenti anche in casa per rispondere a peppino) quindi le aziende chiudono qua e delocalizzano..fiat che "ricatta" gli operai e apre in polonia mettendo li la produzione delle macchine di punta come la PANDA ne è un esempio...sia ben chiaro non sono operaio ne figlio di operaio dico solo quello che si può evincere dalle informazioni date dalle tv...per quanto riguarda gli stati orientali purtroppo sono loro il nuovo WEST dove la gente ci guadagna e dove si aprono i nuovi mercati quindi ben venga se ducati amplia il suo mercato senza però dimenticare l'italia....perchè se per certe aziende (fiat)in testa non ci fosse stato lo stato italiano e quindi il popolo col fischio che marchionne prenderebbe 800000 euri l'anno,tra le altre stra meritati perchè è un genio
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 11-01-2011, 11: 18
L'avatar di peppino_internèt
senior
 
Registrato dal: Jun 2009
ubicazione: roma
Messaggi: 991
Thumbs up

Quote:
Originariamente inviata da jackass Visualizza il messaggio
(quindi dobbiamo stare attenti anche in casa per rispondere a peppino) quindi le (fiat)in testa non ci fosse stato lo stato italiano e quindi il popolo col fischio che marchionne prenderebbe 800000 euri l'anno,tra le altre stra meritati perchè è un genio
Ti devo dire Grazie perchè mi dai sempre spunti per approfondire.

Su questo sono parzialmente d'accordo con te, e mi spiego.
Dire che la Polonia sia "europea", come la romania o la rep.ceca o Cipro è un bell'azzardo, non sono razzista, sono solo obiettivo.

La cultura industriale di cui parlavo è quella seria, quella tedesca, francese, inglese e anche italiana (abbiamo davvero ottime realtà industriali).
I brevetti, la ricerca , è in questi paesi che si fa, ma se poi si produce altrove, dov'è che sta il vantaggio ?
Se esporto tutte le mie migliori qualità all'estero, che vantaggio ne posso trarre ?

Io sto vivendo la stessa situazione in azienda da me.
Ho sempre lavorato a braccetto con indiani, polacchi, cinesi.
Per comunicare parliamo in inglese, e non ti dico quello che ne esce fuori . (un cinese che parla inglese è micidiale)

Il luogo comune che aleggia troppo spesso è che questi tizi siano dei "geni", in realtà, senza falsa modestia, nessuno di loro mi ha mai superato in professionalità o conoscenze, l'unica cosa in cui mi superano e di parecchio è il loro costo orario, che è circa 1/4 del mio.Io lavoro 8 ore al giorno per contratto (anche se ne faccio di più), loro l'orario di lavoro manco sanno che è.
Mediamente lavorano dalle 10 alle 12 ore al giorno e gli straordinari, le trasferte, i buoni pasto, le auto aziendali, i cellulari aziendali manco sanno che sono .

Perchè ?

Perchè esiste l'outsourcing.
Il cinese e l'indiano telelavorano direttamente dai paesi loro, dove il costo della vita è pressocchè ZERO. Questa non è concorrenza, è una presa in giro.

Questi paesi vengono utilizzati solo ed esclusivamente per risparmiare e per godere di semplificazioni (troppe secondo me) delle condizioni lavorative, orari di lavoro massacranti e diritti sempre più sottili.

Per questo dire che Marchionne è un genio, non mi trova troppo d'accordo, io direi più un aziendalista, scaltro e molto cinico. Se devo fare gli interessi di qualcuno, faccio quelli di chi mi paga, no di chi mi lavora.

L'unica cosa positiva in tutto questo è che prima o poi questi paesi emergenti vorranno più diritti, vorranno l'automobile, la moto mv augusta, ricercheranno il benessere che abbiamo noi qui, e allora i prezzi saliranno, fino a che noi "europei" torneremo a essere concorrenziali.

A meno che non si cominci a sfruttare seriamente l'AFRICA
Basta leggere cosa sta investendo la Cina in Africa in cambio di materie prime.
__________________
STREET TRIPLE

"Lucille blues"


San Gennà, non ti crucciar ,tu lo sai , ti voglio bbene,
ma 'na fint e Maradona squaglie 'o sang rint e ven !!
e chest è ...
Rispondi quotando
  #9 (permalink)  
Vecchio 11-01-2011, 13: 00
L'avatar di ziocello
official factory
 
Registrato dal: Apr 2010
ubicazione: Alba
Messaggi: 1,330
predefinito

io spero che ducati apra in asia per allargare il proprio mercato in paesi dove se andasse con moto prodotte da noi sarebbe troppo lontano dai prezzi dei japu e degli asiatici in genere.
sfrutterebbe il proprio buon nome per vendere moto in paesi che altrimenti sarebbero per lei OUT con indubbio ritorno economico.
Le moto destinate all'ewuropa ed all'america DEVONO restare made in Italy, pena uno scivolone di immagine mica da poco, immagine che il Vale nazionale da solo difficilmente potrebbe tenere alta!!
__________________
lo so, sono un po' pirla....ma ci sto lavorando!!!
Rispondi quotando
  #10 (permalink)  
Vecchio 14-01-2011, 18: 21
L'avatar di matt
boy
 
Registrato dal: Sep 2010
ubicazione: Botteghe, R.E.
Messaggi: 99
predefinito

bè, Peppino, temo che prima che ciò avvenga saremo alla fame pure noi.......

purtroppo il difetto degli italiani è che siamo geni e ridicoli al contempo, se negli anni che si lavorava si fosse lavorato bene (sia le aziende grandi che gli operai) a quest' ora i problemi sarebbero molto molto inferiori, noi siamo capaci solo di brontolare, diritti e solo diritti, ma i doveri???
al lunedi mattina, quando lavoravo in centro a reggio, c'era sempre la fila davanti al Dottore, il venerdi il Dottore poteva starsena tranquillamente al bar xchè tutti erano guariti......... che coincidenze?????
ma a queste cose nessuno mai ci pensa, quindi se le Ditte ci abbandonano c'è lo siamo cercato pure noi...
non vorrei essere scambiato x una persona di destra, ma tante cose le vedevo coi miei occhi, si tratta di essere obiettivi...
__________________
turista in fuoristrada
http://picasaweb.google.it/mattmassimo
Rispondi quotando
  #11 (permalink)  
Vecchio 14-01-2011, 18: 36
L'avatar di Pierobull
W LA MOTO
 
Registrato dal: Jul 2009
ubicazione: PIEMONTE
Messaggi: 4,349
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da matt Visualizza il messaggio
bè, Peppino, temo che prima che ciò avvenga saremo alla fame pure noi.......

purtroppo il difetto degli italiani è che siamo geni e ridicoli al contempo, se negli anni che si lavorava si fosse lavorato bene (sia le aziende grandi che gli operai) a quest' ora i problemi sarebbero molto molto inferiori, noi siamo capaci solo di brontolare, diritti e solo diritti, ma i doveri???
al lunedi mattina, quando lavoravo in centro a reggio, c'era sempre la fila davanti al Dottore, il venerdi il Dottore poteva starsena tranquillamente al bar xchè tutti erano guariti......... che coincidenze?????
ma a queste cose nessuno mai ci pensa, quindi se le Ditte ci abbandonano c'è lo siamo cercato pure noi...
non vorrei essere scambiato x una persona di destra, ma tante cose le vedevo coi miei occhi, si tratta di essere obiettivi...
__________________
...1991-1992-1993-1994-2005-2010-..
Rispondi quotando
  #12 (permalink)  
Vecchio 14-01-2011, 19: 06
L'avatar di peppino_internèt
senior
 
Registrato dal: Jun 2009
ubicazione: roma
Messaggi: 991
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da matt Visualizza il messaggio
bè, Peppino, temo che prima che ciò avvenga saremo alla fame pure noi.......
infatti era proprio quello che volevo dire io
e aggiungo che non ci vorrà poi neanche tanto tempo.

In Cina 1200 imprese italiane - Il Sole 24 ORE
__________________
STREET TRIPLE

"Lucille blues"


San Gennà, non ti crucciar ,tu lo sai , ti voglio bbene,
ma 'na fint e Maradona squaglie 'o sang rint e ven !!
e chest è ...
Rispondi quotando
  #13 (permalink)  
Vecchio 15-01-2011, 10: 13
L'avatar di ziocello
official factory
 
Registrato dal: Apr 2010
ubicazione: Alba
Messaggi: 1,330
predefinito

purtroppo oggi ci dobbiamo confrontare con paesi dove certi diritti seppur elementari sono ancora un'utopia.
se vogliamo morire soffocati allora continuiamo a trincerarci dietro i diritti acquisiti (alcuni veramente assurdi) e affondiamo molto meno lentamente di quanto si possa pensare.
Se invece vogliamo tirare avanti allora credo sia giunta l'ora di mettere un po' da parte i principi e cercare di tenere duro in attesa che anche nei paesi emergenti si affermi qualche diritto e le differenze si livellino un po'.
Non voglio fare discorsi politici o sindacali per'altro vietati, ma da imprenditore riporto una esperienza personale.
Alcuni anni fa avevo un dipendente totalmente sfaticato, litigioso per non dire al limite del delinquienziale.
Bene, togliermelo dei piedi mi è costato 3 anni di stipendio praticamente regalato , svariate riunioni con personaggi particolarmente incalliti a difenderlo ad ogni costo, ed una congrua buona uscita ( i soldi più ben spesi della mia vita)
Mi chiedo perchè nel caso quel personaggio fosse stato il mio migliore dipendente avrebbe potuto andarsene per la sua strada semplicemente dandomi un preavviso di 8 giorni e magari lasciandomi nei casini per lavori acquisiti e da consegnare ed invece essendo un poco di buono io non possa allontanarlo magari con 8 mesi di preavviso (NON 8 GIORNI) per sanare l'ambiente di lavoro e non avere troppe perdite.
Quel dipendente per 3 anni ha pesato sull'azienda e sui suoi colleghi che dovevano fare anche il suo lavoro e che vista la voce in perdita del suo stipendio (la mia è una piccola azienda ma poco cambia) non potevano ambire a promozioni o ad aumenti nonostante fossero meritevoli.
Credetemi: se un'azienda ha persone valide e qualificate cerca di tenersele ma parallelamente non può levare le mele marce dal cesto che comunque fanno marcire le altre o almeno creano malcontento.
Il mio è solo un esempio ma non dimentichiamo che molti diritti sono stati acquisiti in passato come merce di scambio politico e che sono assurdi e del tutto anacronistici.
Chiudo qui per non urtare nessuno e per non rischiare di essere bannato ma ce ne sarebbe un sacco da dire
__________________
lo so, sono un po' pirla....ma ci sto lavorando!!!
Rispondi quotando
  #14 (permalink)  
Vecchio 15-01-2011, 11: 37
L'avatar di peppino_internèt
senior
 
Registrato dal: Jun 2009
ubicazione: roma
Messaggi: 991
Thumbs up

Quote:
Originariamente inviata da ziocello Visualizza il messaggio
se vogliamo morire soffocati allora continuiamo a trincerarci dietro i diritti acquisiti (alcuni veramente assurdi) e affondiamo molto meno lentamente di quanto si possa pensare.
ti quoto a 1000 ,
ma quello che volevo sottolineare io è che con questi paesi, anche azzerando totalmente i nostri diritti, mai e poi mai potremo confrontarci e fare reale concorrenza.

Non è politica questa, è la semplice realtà dei fatti.
Forse andrebbe ripensata l'intera economia mondiale.
Ma tornando al discorso Ducati, io spero vivamente che facciano nuovi modelli destinati per il mercato asiatico, e comunque penso che per loro sia stata una scelta obbligata, visto come si stanno muovendo gli altri Brand.
__________________
STREET TRIPLE

"Lucille blues"


San Gennà, non ti crucciar ,tu lo sai , ti voglio bbene,
ma 'na fint e Maradona squaglie 'o sang rint e ven !!
e chest è ...
Rispondi quotando
  #15 (permalink)  
Vecchio 15-01-2011, 17: 59
junior
 
Registrato dal: Aug 2010
Messaggi: 189
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da peppino_internèt Visualizza il messaggio
Ti devo dire Grazie perchè mi dai sempre spunti per approfondire.

Su questo sono parzialmente d'accordo con te, e mi spiego.
Dire che la Polonia sia "europea", come la romania o la rep.ceca o Cipro è un bell'azzardo, non sono razzista, sono solo obiettivo.

La cultura industriale di cui parlavo è quella seria, quella tedesca, francese, inglese e anche italiana (abbiamo davvero ottime realtà industriali).
I brevetti, la ricerca , è in questi paesi che si fa, ma se poi si produce altrove, dov'è che sta il vantaggio ?
Se esporto tutte le mie migliori qualità all'estero, che vantaggio ne posso trarre ?

Io sto vivendo la stessa situazione in azienda da me.
Ho sempre lavorato a braccetto con indiani, polacchi, cinesi.
Per comunicare parliamo in inglese, e non ti dico quello che ne esce fuori . (un cinese che parla inglese è micidiale)

Il luogo comune che aleggia troppo spesso è che questi tizi siano dei "geni", in realtà, senza falsa modestia, nessuno di loro mi ha mai superato in professionalità o conoscenze, l'unica cosa in cui mi superano e di parecchio è il loro costo orario, che è circa 1/4 del mio.Io lavoro 8 ore al giorno per contratto (anche se ne faccio di più), loro l'orario di lavoro manco sanno che è.
Mediamente lavorano dalle 10 alle 12 ore al giorno e gli straordinari, le trasferte, i buoni pasto, le auto aziendali, i cellulari aziendali manco sanno che sono .

Perchè ?

Perchè esiste l'outsourcing.
Il cinese e l'indiano telelavorano direttamente dai paesi loro, dove il costo della vita è pressocchè ZERO. Questa non è concorrenza, è una presa in giro.

Questi paesi vengono utilizzati solo ed esclusivamente per risparmiare e per godere di semplificazioni (troppe secondo me) delle condizioni lavorative, orari di lavoro massacranti e diritti sempre più sottili.

Per questo dire che Marchionne è un genio, non mi trova troppo d'accordo, io direi più un aziendalista, scaltro e molto cinico. Se devo fare gli interessi di qualcuno, faccio quelli di chi mi paga, no di chi mi lavora.

L'unica cosa positiva in tutto questo è che prima o poi questi paesi emergenti vorranno più diritti, vorranno l'automobile, la moto mv augusta, ricercheranno il benessere che abbiamo noi qui, e allora i prezzi saliranno, fino a che noi "europei" torneremo a essere concorrenziali.

A meno che non si cominci a sfruttare seriamente l'AFRICA
Basta leggere cosa sta investendo la Cina in Africa in cambio di materie prime.

ma infatti io non dico che marchionne sia una brava persona...se lo fosse difficilmente potrebbe fare quel lavoro...è un genio perchè ha risollevato una marchio fallimentare perchè fa gli interessi di fiat e non di altri(neanche dei lavoratori fiat) e lui è pagato per questo non per far il buon samaritano...su tutto quello che hai detto riguardo i paesi orientali mi trovi perfettamente d'accordo...per quanto riguarda l'europa dell'est...bisogna guardare in faccia la realtà nessuno la considera europa però lo sono e in più hanno prezzo di mano d'opera molto inferiore al nostro...bisogna starci attenti!
Rispondi quotando
Rispondi

Tag
ducati, thailandia, trasferisce

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo
Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 23: 30.


Powered by vBulletin versione 3.7.4
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.

WLAMOTO.COM Associazione Sportiva Dilettantistica